Centre d'Interprétation Marne 14/18

sublayer

Chapelle Russe à Saint Hilaire

sublayer

Monument de Navarin

sublayer

Monument de la 1ère Victoire de la Marne à Mondement

sublayer

Fort de la Pompelle à Reims

sublayer

Vallée du Camp Moreau

sublayer

Monument américain du Blanc Mont

sublayer

Mémorial national des Batailles de la Marne à Dormans

sublayer

Site de la Main de Massiges

sublayer

Ossuaire de la Gruerie

sublayer
/ 10
Body: 

1914-18

2014-18

Ieri e

Oggi si uniscono

Il Monumento

Ossario Navarin

 

page08-photo01.png

Impressionante luogo della memoria, questo monumento piramidale è stato edificato in prossimità dell'antica fattoria-ostello di Rougemeont, chiamata "Navarin" dalla fine del XIX secolo. Questa evoluzione toponimica sembra spiegabile dalla personalità del suo ex proprietario, Parfait Camus: quest'ultimo avrebbe partecipato ai combattimenti della baia di Navarin (Grecia) nel 1827? A causa del suo carattere poco accogliente, parlava sempre in patois alle persone di passaggio: "Anhue n’a va rin" che si può tradurre con "Oggi non c'è niente".

Punto centrale del fronte di Champagne, Navarin comprende una linea di alture (colline di Souain e di Tahure, quota 193, Monte Têtu e Main de Massiges) davanti alla quale si arena l'offensiva francese del 1915. La fattoria scomparve durante i combattimenti dell'autunno 1915; vi si svolsero combattimenti accaniti fino a settembre 1918: da questa altura il Generale Gouraud lancia l'offensiva franco-americana che libera il fronte di Champagne e respinge le truppe tedesche verso le Ardenne.

1913 - 1918

Malgrado i numerosi attacchi e il sacrificio di oltre 250.000 soldati il fronte terrà.

Edificato per iniziativa del Generale Gouraud, il monumento ossario di Navarin è sormontato da un solido gruppo di tre ricognitori in pietra, orientati verso nord-est, opera dello scultore Maxime Real Del Sarte:

- Il soldato al centro ha i tratti del Generale Gouraud,
- Il soldato di destra ha i tratti di Quentin Roosevelt, figlio di Theodore Roosevelt, morto per la Francia il 14 luglio 1918 a Chamery (Aisne),
- Il soldato di sinistra ha i tratti del fratello dello scultore Real Del Sarte, ucciso sul Chemin des Dames.

Sul basamento sono iscritti i numeri delle divisioni francesi e alleate che hanno combattuto in Champagne. All'interno del monumento si trova una cappella sorprendente con i muri tappezzati di stele e di oltre 1.000 lastre commemorative apposte dalle famiglie dei soldati dispersi. Nella cripta si trovano i resti di 10.000 soldati, la maggior parte dei quali ignoti, caduti nel corso dei combattimenti in Champagne. Il Generale Gouraud, che ha voluto essere inumato in mezzo ai suoi soldati, riposa qui insieme al suo capo di stato maggiore il Generale Prételat.

Importante luogo di transito da sempre, è divenuto anche uno dei principali luoghi della memoria della Grande Guerra, i dintorni del monumento ne conservano infatti profonde cicatrici.

 

Linea del tempo

Terra di storia e memoria

Scoprite le date principali di questo conflitto, la cronologia dei combattimenti, i protagonisti principali ma anche le ripercussioni degli eventi...

Ulteriori informazioni +

Tutti i siti e gli eventi da non perdere

sublayer

Collegio degli atleti di Reims

Nei giochi olimpici del 1912, gli atleti tedeschi hanno una preparazione migliore rispetto ai francesi e il contesto dell'epoca rende inaccettabile qu

sublayer

Meeting aereo del 1913

Il meeting del 1913 è l'ultima manifestazione aerea importante prima della Grande Guerra. Di dimensione mondiale, porta alla creazione di una vera e p

sublayer

Pass'mémoire

L’Ufficio del turismo di Reims vi propone un pass per accedere a 4 musei dedicati alla storia militare locale• Il Museo della Reddition• Il Museo del

sublayer

Immergiamoci nel cuore del Patrimonio - 2 giorni/1 notte

Scoprite Châlons-en-Champagne e i suoi dintorni... La città e la sua architettura, la campagna e i suoi monumenti storici: il patrimonio della Champag

Tutte le attualità

Il corpo di un poilu ritrovato a Massiges... 98 anni dopo la sua morte

L'Associazione "La Main de Massiges" ha rinvenuto, durante i lavori di ripristino di una trincea, le ossa di un Poilu della Manche, deceduto sul fronte a Massiges nel 1915.